Vlahovic segnato in volto, foto impressionante Spezia-Juve

La partita tra Spezia e Juventus è iniziata con un attimo davvero singolare, con Vlahovic segnato visibilmente in volto, ma cosa è stato?

Dusan Vlahovic
Juventus Twitter

Dusan Vlahovic nella partita con lo Spezia è stato visibilmente segnato in volto da un segno rosso, ma state tranquilli perché il bomber serbo non ha subito nessun colpo grave, bensì si tratta di un segno portato avanti dalla Lega Calcio per poter mandare un segnale contro la violenza sulle donne.

Non è infatti solamente il balcanico l’unico giocatore ad avere un segno rosso sulla guancia, con il serbo ex Fiorentina che però è il calciatore maggiormente in vista nella Juventus, viste anche le assenze di Di Maria e Chiesa.

La Lega Calcio sta portando avanti da ben sei anni questa iniziativa atta a sensibilizzare i tifosi di tutta Italia contro la violenza sulle donne e per quanto non possa essere un gesto che risolverebbe il problema, comunque si tratta di un bellissimo segnale.

Ogni volta che si cerca di mandare un segnale così importante bisogna solo che togliersi il cappello, con i calciatori che sono dei personaggi pubblici e che dunque possono con il loro gesto provare in qualche modo a smuovere le coscienze di veri e propri animali, perché così vanno definiti coloro che picchiano le donne.

Vlahovic e i giocatori contro la violenza sulle donne: gesto bellissimo

Naturalmente non è stato solo Dusan Vlahovic il giocatore che si è dipinto con un piccolo segno rosso la sua guancia, ma lo hanno fatto anche tutti gli altri giocatori della Juventus.

Per qualcuno si tratta di una prima volta, come per esempio per il nuovo arrivato dall’Eintracht Francoforte Filip Kostic, mentre il serbo è uno dei grandi veterani di questa iniziativa davvero lodevole.

Un semplice gesto tante volte può davvero cambiare il mondo, perché alla fine i personaggi pubblici così noti come i calciatori in certi casi sono coloro che possono mandare un segnale di speranza alle donne che nel mondo soffrono.

Impostazioni privacy