Mancini, problema attacco: ecco il centravanti migliore della nazionale

L’Italia continua ad avere problemi a livello offensivo; ecco chi potrebbe essere il miglior centravanti a disposizione di Mancini.

I primi due match dell’Italia, validi per la qualificazione ai prossimi europei, si sono conclusi con una vittoria e una sconfitta. La nazionale azzurra, a livello di prestazione, non ha convinto mettendo in mostra evidenti difficoltà.

mancini
Mancini (Ansafoto)

Uno dei problemi emersi da queste prime uscite riguarda quello offensivo; i campioni d’Europa, tra infortuni e assenze pesanti (Zaccagni in testa), ha avuto non pochi problemi nel rendersi pericolosi. Anche contro Malta, in una partita che avrebbe potuto portare un risultato importante, ha visto l’Italia non andare oltre il due a zero.

Importante la vittoria ma serve migliorare in ottica futura considerando anche la semifinale di Nations League; la grande novità di Mancini è stata Retegui. Il centravanti, nonostante i due gol in altrettante partite, non sembra aver convinto del tutto.

Polemiche che sono sfociate in un pensiero piuttosto forte; secondo i tifosi bianconeri l’attaccante più forte della nazionale italiana è Moise Kean.

Il centravanti, in forza alla Juventus, non è stato convocato da Mancini a causa (forse) di una serie di prestazioni non convincenti e di quanto successo a Roma con il cartellino rosso rimediato dopo pochissimi secondi dal suo ingresso in campo.

tweet juventus italia kean
Tweet Juventus Italia Kean (Twitter)

La mancata convocazione, però, non sembra far cambiare l’idea del popolo bianconero; per loro il centravanti più forte della nazionale azzurra è Kean. Una dichiarazione che sembra avere anche un tono polemico nei confronti dei centravanti portati da Mancini.

E’ probabile pensare che, per i tifosi bianconeri, Kean meritasse la convocazione; il prossimo impegno della nazionale azzurra sarà la semifinale di Nations contro la Spagna. Non ci resta che aspettare per capire se l’attaccante della Juve verrà preso in considerazione.

Kean e la Juventus: Allegri ha bisogno del suo centravanti

In attesa di capire se Kean tornerà in nazionale, l’attaccante deve riprendersi la Juventus; per il centravanti, dopo quanto successo all’Olimpico contro la Roma, l’obiettivo è tornare ad essere decisivo.

moise kean
Moise Kean (LaPresse)

Aprile sarà un mese decisivo per un giocatore il cui futuro non sembra essere poi così sicuro; la Juventus giocherà nove partite tra tutte le competizioni e, soprattutto nelle coppe, avrò appuntamenti da non fallire.

Servirà tutta la rosa a disposizione per raggiungere gli obiettivi prefissati; Allegri, dunque, avrà bisogno anche di Kean. Il centravanti, per poter tornare in nazionale e dimostrare di essere il centravanti migliore per gli azzurri, deve prima essere decisivo in maglia Juventus.

Impostazioni privacy