Calciomercato Juventus, nome nuovo per l’attacco: è un baby fenomeno

La Juventus sta iniziando a pensare alla prossima stagione e, per quanto riguarda l’attacco, sembra essere interessata ad un giovane talento.

I bianconeri, nella stagione appena passata, hanno avuto diversi problemi; uno di questi è, senza nessun dubbio, il reparto offensivo. Gli attaccanti hanno avuto tutti delle difficoltà nel riuscire ad avere la giusta continuità realizzativa.

allegri
Allegri (LaPresse)

Una situazione paradossale considerando le qualità di un reparto che, ad inizio stagione, si pensava potesse essere una certezza per Allegri; così non è stato e, proprio per questo, la Juventus sembra voler muovere sul mercato. L’obiettivo è proprio quello di rinforzare il reparto offensivo per avere una risorsa in più.

Secondo quanto riferito da La Gazzetta dello Sport, i bianconeri avrebbero messo gli occhi su Gnonto; parliamo del classe 2003, di proprietà del Leeds, che nella stagione appena passata ha messo in mostra le proprie qualità.

Il ragazzo, nel giro della nazionale, nasce come ala sinistra ma può giocare anche come esterno destro e trequartista alle spalle del centravanti; parliamo di un giocatore rapido, abile nell’uno contro uno e in grado di saltare costantemente l’uomo con la sua velocità.

I margini di crescita sono diversi ma, come detto, è un giocatore molto interessante che può avere una carriera di un certo livello; la Juventus sarebbe, senza ombra di dubbio, un salto di qualità notevole. Non ci resta che aspettare per capire quale sarà il futuro di Gnonto, giovane talento nel giro della nazionale azzurra.

Juventus, ecco chi saluta: stagione di alti e bassi

I bianconeri, per quanto concerne il discorso offensivo, devono fare i conti con una partenza dolorosa; stiamo parlando di Di Maria il cui contratto scade il prossimo trenta giugno.

Arrivato tra l’entusiasmo generale dei tifosi (considerando anche le immense qualità del giocatore) non è riuscito a mostrare il suo talento con continuità. La prima parte di stagione, infatti, è stata inevitabilmente condizionata dai problemi fisici che ha dovuto affrontare.

Dal post mondiale le difficoltà sono state altre e hanno riguardato tutta la Juventus; l’addio dell’argentino non sarà semplice da digerire ma, considerando anche la mancata qualificazione alla Champions League, era inevitabile.

I bianconeri perdono un giocatore tecnico e con un livello di esperienza che in pochi possono vantare; sostituirlo non sarà semplice ma, per la Juve, si prospetta una sessione estiva complicata sotto diversi punti di vista.

Nella prossima stagione, i ragazzi di Allegri devono tornare a dominare il campionato e devono farlo indipendentemente dalla presenza di Di Maria.

Impostazioni privacy