Manuel Locatelli: scheda tecnica, vita privata e stipendio

In questo approfondimento vedremo la scheda tecnica, la vita privata e lo stipendio di Manuel Locatelli. Tra curiosità e dati interessanti.

Manuel Locatelli è uno dei punti di riferimento del centrocampo bianconeri. Fin dal momento del suo approdo, l’ex Sassuolo si è distinto per la sua grinta abbinata ad una tecnica sopraffina.

Manuel Locatelli
La Presse

Doti che a certi livelli sono indispensabili, ma che al tempo stesso sono rare come acqua nel deserto. In questo articolo di approfondimento si potranno conoscere numerose informazioni riguardanti la sua persona. Dalla sua vita privata passando per lo stipendio.

Dati che non tutta la tifoseria conosce alla perfezione.

Data di nascita e nazionalità

Nato a Lecco in data 8 gennaio 1998, il centrocampista veste attualmente la maglia della Nazionale italiana oltre che quella del suo club di riferimento. Calcisticamente parte della sua vita si è svolta a Bergamo, avendo esordito a livello giovanile proprio con i nerazzurri.

Peso, altezza, ruolo e piede preferito

La statura non sempre definisce il ruolo di un giocatore. Ma nel caso di Locatelli sembra essere proprio così. Grazie ai suoi 186 centimetri distribuiti su 75 kg, è un centrocampista in grado di sfruttare molto bene le sue lunghe leve.

Soprattutto in fase di interdizione queste sono caratteristiche molto utili. E non è un caso il fatto che lui ne faccia un uso molto sapiente. La sua posizione in campo, per essere specifici, è quella di centrocampista centrale.

Tuttavia, la sua bravura in impostazione fa sì che numerosi allenatori lo scelgano anche in qualità di regista. Ruolo all’interno del quale non sfigura affatto. Anzi. Gli permette ugualmente di esprimere le sue qualità al meglio.

Destro naturale, possiede anche delle ottime capacità balistiche con cui poter concludere dalla lunga distanza.

La prima rete di Locatelli in bianconero

Nonostante arrivi comunque a concludere a rete, Locatelli non è mai stato un centrocampista prolifico. Tuttavia, la sua prima gioia con i bianconeri se la scorderà molto difficilmente.

Nella vittoria interna contro la Sampdoria per 3-2, annata del 2021, ha realizzato infatti la sua prima rete con la Juventus. Una giornata da ricordare per il giocatore, il quale sognava da tanto quel momento.

Dopo un inserimento in area non andato a buon fine, il centrocampista ha avuto la chance di insaccare a porta vuota su assist di Kulusevski. Un’azione corale conclusa in maniera magistrale dall’ex neroverdi.

Stando alla stagione corrente del 2022-23 Locatelli ha realizzato solo tre reti con la Juventus. Sperando che prossimamente possano aumentare.

Valore su Transfermarkt: solo nel 2020 è stato più alto

Il valore del giocatore su Transfermarkt, è stato più alto di così solo nell’annata del 2020. Cosa inusuale, visto il periodo complicato per tutte le squadre. Parlando sia di club italiani che di club esteri naturalmente.

Tenendo conto della stagione attuale, il valore di Locatelli ammonta a 30 milioni di euro. Nel 2020 si parlava di un valore di trasferimento pari a 35 milioni. Di poco sopra la soglia corrente dunque.

Dal suo approdo in bianconero, la sua quotazione nel mercato è cresciuta vertiginosamente. Il periodo incolore di Sassuolo ad oggi è solo un lontano ricordo, per un giocatore che può guardare a questo dato con orgoglio e fierezza.

Quanto guadagna alla Juventus?

Lo stipendio percepito da Manuel Locatelli in bianconero potrebbe variare in funzione di un ipotetico rinnovo. In scadenza il 30 giugno del 2023, ha comunque un obbligo di riscatto da parte del club a cui appellarsi.

A fine prestito, il giocatore potrebbe firmare un quadriennale dal valore di 3 milioni di euro a stagione. Una cifra nettamente superiore al suo precedente stipendio, visti i 700.000 euro netti di guadagno stagionale.

Per lui si è trattato dunque di un salto di qualità non indifferente. Benché il giocatore possa essere inserito a breve in uno scambio, questo non dovrebbe cambiare la sua situazione contrattuale.

Perché Locatelli ha cambiato numero di maglia?

Dietro il cambio numero di Locatelli c’è una motivazione ben precisa. Le ragioni più comuni riguardano scaramanzia, ricorrenze o date particolari a cui i giocatori sono emotivamente legati.

In questo caso il perché è molto più semplice. Ha scelto infatti il 27. A detta sua, è un numero che meritava una nuova sorte, trattandosi appunto di un’avventura per lui mai percorsa.

Inoltre il 7 sembra portargli generalmente tanta fortuna. Sperando che ciò si possa ripetere anche in futuro. Per sua stessa ammissione la ragione legata a questo cambiamento è un mix di ricorrenze e di scaramanzia.

Punti deboli e punti di forza

Partendo insolitamente dai punti deboli, si può effettivamente riscontrare una certa difficoltà in progressione. Essendo un centrocampista perlopiù di contenimento è comunque normale che non sia così tanto rapido.

Dispone comunque di una buona resistenza, benché non la sappia sfruttare in termini di velocità. Questo, è comunque uno dei suoi punti deboli principali. Il resto sono piccolezze che potrebbero venir limate col passare del tempo.

Per quanto concerne invece i suoi maggiori punti di forza il discorso è molto più ampio. Risulta infatti un giocatore dotato di un ottimo passaggio. Sia sulla lunga che sulla corta distanza.

Inoltre è anche un abile tiratore. Non meno importante la dote sugli inserimenti, di cui l’ex bianconero Sami Khedira è sempre stato un fedele portavoce. Ad oggi, per alcune movenze tattiche sembra di rivedere proprio il tedesco ex Real Madrid.

Valore su FIFA 23 di Manuel Locatelli: è molto alto!

Locatelli è il terzo centrocampista della Juventus dal più alto overall su FIFA 23. Se tali valutazioni fossero realmente basate sui fatti realmente accaduti di recente, avrebbe indubbiamente la valutazione più alta. Ma così non è.

Il suo valore complessivo è di 82. Fisico e passaggio sono sicuramente i suoi valori più alti. Considerando che sono anche le sue doti migliori, è del tutto normale che sia stato valutato in questo modo.

Vita privata: si è sposato giovanissimo!

Ciò che salta immediatamente all’occhio, è l’età in cui Locatelli si è sposato. Approdata in Italia per motivi di studio, la sua compagna di vita Tessa Lacovich è originaria della Costa Rica. Laureata in Media Advertising, è sposata col giocatore dal 21 giugno del 2022.

Manuel Locatelli moglie
Instagram

La cornice che ha avuto modo di ospitare il matrimonio è davvero meravigliosa. Si tratta infatti di Villa Palmieri, storica location situata nella suggestiva cittadina di Firenze. In questo video di proprietà del canale “Marcoabba Videography” si può apprezzare il luogo in cui è avvenuto questo splendido evento.

Che macchina ha Locatelli?

Manuel Locatelli ha compiuto una scelta piuttosto comune. Benché in realtà non dovrebbe essere così. Stando alla cronaca generale, è un grande patito delle auto sportive. Dispone infatti di un mezzo che si potrebbe quasi definire unico nel suo genere.

Possiede infatti una Porsche rossa fiammante il cui modello non è ancora stato specificato in maniera precisa. Uno sfizio che si è voluto togliere in virtù del cambio di contratto di cui parlato appena sopra.

Chi è il padre di Manuel Locatelli?

Il padre del giocatore ha avuto una rilevanza molto particolare per lui. Risulta infatti il suo storico allenatore nella squadra dell’oratorio. Di fatti è stato proprio nel Pescate, che il numero 27 della Juventus ha potuto tirare i suoi primi calci ad un pallone.

Più in generale, includendo dunque anche sua madre, per lui la famiglia è stata molto importante in chiave professionale. Così come ovviamente nella vita di tutti i giorni, esulando dunque la materia dello sport.

I trofei di Locatelli

I trofei vinti da Locatelli si possono suddividere in due esperienze differenti. Quella col Milan e quella con la Nazionale italiana. Con i rossoneri nella stagione 2016-17 ha vinto la Supercoppa Italiana.

Ma il suo trofeo più importante, perlomeno attualmente, lo ha ottenuto con gli Azzurri. Nella finale vinta ai calci di rigore contro l’Inghilterra, l’Italia si è aggiudicata l’Europeo nel 2021.