McKennie: scheda tecnica, vita privata e stipendio

In questo approfondimento vedremo la scheda tecnica di McKennie. Oltre a venire a conoscenza del suo stipendio e della sua vita privata.

L’acquisto di McKennie tempo fa è passato un po’ in sordina. Non tutti si erano inizialmente accorti di quanto il suo apporto potesse essere efficace. Ad oggi, per fortuna, la musica sembra essere cambiata.

McKennie
Ansa Foto

Sempre più persone si sono accorte di come il suo aiuto serva come l’ossigeno. Nonostante alcune scelte tendenzialmente infelici, il buon Weston è per i bianconeri una risorsa indispensabile a tutti gli effetti.

Scopriamo dunque la sua scheda tecnica, con qualche cenno alla vita privata e allo stipendio.

Data di nascita e nazionalità

Nato a Little Elm il 28 agosto del 1998, è dunque di cittadinanza statunitense. Di proprietà della Juventus, dal 2013 ad oggi è stabilmente nel giro della sua Nazionale di riferimento. Dall’under 17 alla prima squadra, ha fatto una trafila lunga anni e anni.

Ad oggi, perlomeno in patria, risulta uno dei giocatori più promettenti negli USA. In età infantile ha vissuto in Germania per motivazioni legate alla famiglia. Questo però calcisticamente non ha affatto influito.

Al contrario di come invece accade spesso e volentieri per altri giocatori. Con la stessa Germania come elemento in comune.

Peso, altezza, ruolo e piede preferito

McKennie è un centrocampista dotato di un baricentro piuttosto basso. Grazie ai suoi 185 centimetri di altezza distribuiti su 84 kg di peso, riesce ad essere un giocatore fisico e rapido nelle movenze allo stesso tempo.

Un vero e proprio motorino di centrocampo, che grazie ai suoi inserimenti può concludere a rete spesso e volentieri. I suoi 9 gol in bianconero non sono affatto casuali, così come ai tempi non lo fu quella straordinaria prodezza compiuta contro il Barcellona.

Un mix eccellente di inserimento perfetto e coordinazione vincente. I tifosi ancora faticano a credere ai loro occhi. Grazie al suo fantastico piede destro, ha compiuto spesso e volentieri gesti tecnici del genere.

Prima rete in bianconero di McKennie

La prima rete in bianconero di McKennie non ha tardato ad arrivare. Il centrocampista texano si è presentato ai suoi tifosi in una gara piuttosto concitata. Si è trattato infatti della gara contro il Torino, vinta dai bianconeri per due reti a uno.

Iscriversi per la prima volta al tabellino dei marcatori è sempre meraviglioso. Ma se ciò accade in un derby, ciò acquisisce ancora più valore. Un momento di cui difficilmente si potrà scordare. Anche volendolo non ci riuscirebbe affatto.

Valore su Transfermarkt

Il valore di McKennie su Transfermarkt corrisponde a circa 21 milioni di euro. Di poco sotto al suo valore più alto, che fino a poco tempo fa si aggirava intorno ai 25 milioni di euro. Un leggero downgrade rispetto alle sue prestazioni migliori.

Tuttavia, bisogna considerare anche il calo fisiologico che ha avuto la squadra. Per il quale la valutazione di numerosi giocatori è calata vertiginosamente. In questo caso ci si può “leccare le ferite “in questo modo.

Il suo valore potrebbe comunque essere destinato a salire, nel caso in cui la Juve mantenga le premesse dimostrate nell’ultima frazione del girone di andata.

Punti di forza e punti deboli di McKennie

I punti di forza di McKennie superano come al solito quelli deboli. Questo è di base un discorso valido per quasi tutti i giocatori della Juve. Ma nel caso del giocatore nativo del Texas ancora di più.

Per quanto concerne i suoi punti deboli, si possono definire i duelli aerei come una delle sue carenze più incisive. Nonostante sia tendenzialmente piuttosto alto le statistiche riguardanti i duelli vinti in tal senso non sorprendono.

Da lui ci si aspetterebbe molto di più. Di contro è comunque un giocatore rapido, grintoso e dotato di un’ottima forza nei recuperi. Oltre ad essere anche in possesso di una buona tecnica di base.

Questo suo mix di capacità gli permette di ricoprire più ruoli a centrocampo. Per questo motivo trovargli una sola identità risulta complicato. Nasce principalmente come centrale, ma può dire la sua sia in posizione più arretrata che in posizione più avanzata.

Tutto ciò che gli può far esprimere la sua qualità è bene accetto. E Allegri lo sa bene, avendolo di fatto provato in numerose posizioni. Naturalmente senza (quasi) mai alterare la sua impostazione principale.

Valore su FIFA 23

Weston McKennie è uno dei calciatori dei bianconeri dal valore più basso su FIFA 23. Questo per via di uno stato di forma effettivamente non eccellente, cosa che agli sviluppatori piace particolarmente tenere d’occhio.

Hanno infatti deciso di dargli 80 come valutazione. Una delusione, considerando che effettivamente ci si poteva aspettare poco di più. Stesso discorso per Paredes, che è comunque arrivato in un contesto differente. Dunque è una valutazione legittima.

Discorso diverso per il texano, che con questo overall ha sorpreso tutti (in negativo). Si spera possa rifarsi in vista di eventuali upgrade, anche se le sensazioni non sono poi così tanto positive.

McKennie è fidanzato?

Della vita privata del buon Weston non si conosce granché. Il suo profilo di Instagram non è così tanto aggiornato. O per meglio dire, non sulla sua vita personale. Non si sa dunque se sia fidanzato o meno.

Numerosi siti di gossip hanno comunque attribuito al giocatore un flirt inaspettato. Si tratta infatti di un interesse per Antonella Fiordelisi. Modella e showgirl nota al pubblico per via dei suoi scatti da urlo.

Antonella Fiordelisi
Instagram

Scatti che sembrerebbero aver stregato il centrocampista classe ’98. Per il resto, tutto tace intorno alla sua vita. Ed è giusto che la sua privacy venga rispettata.

Auto sportive: che passione!

Una delle più grandi passioni di McKennie sono le auto sportive. Il giocatore, infatti, ha dimostrato di avere un senso del gusto molto sviluppato per quanto concerne le auto lussuose.

Adora sentire il rombo dei motori e sfrecciare (in sicurezza) per le strade. Tutte quante passioni comuni alla stragrande maggioranza dei giocatori. I suoi due modelli favoriti sono una Lamborghini Huracan e una Nissan, modello GT-R. Due veri e propri bolidi.

Bolidi che in un certo senso rispecchiano le sue qualità migliori sul terreno di gioco. Veloci, potenti e dal forte impatto.

Trofei di McKennie

Paradossalmente la maggior parte dei trofei di McKennie proviene dalla maglia degli USA. Con il club della Juventus ha vinto:

  • Supercoppa italiana
  • Coppa Italia

Con la Nazionale ha invece ottenuto:

  • Nations League
  • Atleta dell’anno negli USA
  • Miglior giocatore della Nations League

Insomma, una serie di premi collettivi e individuali davvero soddisfacenti per lui.