Juventus-Europa League: la statistica che avvicina la coppa ai bianconeri

La Juventus, per non chiudere la stagione senza un trofeo, deve vincere l’Europa League; una statistica favorisce i bianconeri.

Mai realmente in lotta per il campionato, fuori dalla Champions League nella fase a gironi e eliminata dalla Coppa Italia nella semifinale contro l’Inter.

europa league
Europa League (Ansafoto)

La stagione della Juventus non si può certo definire positiva ma i bianconeri hanno ancora una possibilità per levarsi una grande soddisfazione.

I ragazzi di Allegri, infatti, sono ancora in corsa in Europa League; l’avversario della semifinale sarà il Siviglia in un doppio confronto per nulla semplice considerando l’esperienza del club spagnolo in questa competizione.

La Juventus ha tutte le possibilità per arrivare in fondo alla competizione ma servirà la massima attenzione e anche prestazioni diverse rispetto a quelle mostrate contro lo Sporting Lisbona.

Vlahovic e compagni, però, possono contare su un dato statistico rassicurante; nel 1990, infatti, la Juve vinse l’Europa League in una stagione calcistica che assomiglia, per alcuni versi, a quella attuale.

L’Argentina, nel 1990 era campione in carica, il Napoli vinse lo scudetto, la Juventus (come detto l’Europa League) e il Milan la Champions.

I primi due eventi si sono ripetuti e la storia potrebbe replicare in toto quanto successo trentatré anni fa; i bianconeri sono ancora in corsa per vincere l’Europa League mentre il Milan è in semifinale di Champions.

Un dato statistico che sta facendo sperare i tifosi bianconeri; in una stagione così complicata ci si affida anche alla storia e alla possibilità che questa possa ripetersi.

Bisogna, però, sottolineare come alla fine sia il campo a decidere il futuro della Juventus; i bianconeri, se vogliono alzare l’Europa League, devono pensare solo al terreno di gioco senza fare affidamento a quanto successo trentatré anni fa.

La Juventus e l’Europa League: ecco chi possono essere gli uomini chiave

Prima il doppio confronto con il Siviglia e poi eventuale finale contro uno tra Roma e Leverkusen; la Juventus ha davanti una strada non impossibile da percorrere ma guai a scendere in campo senza la giusta concentrazione.

Saranno fondamentali due giocatori in particolare: Pogba e Chiesa. Il primo, dopo una stagione molto complicata per via di diversi problemi fisici, vuole lasciare il segno e trascinare la squadra in Europa League.

Anche Chiesa, da quando è tornato dall’infortunio, sta faticando a ritrovare la migliore condizione fisica. L’esterno, però, può essere un giocatore fondamentale in questo rush finale di stagione.

Impostazioni privacy