Mancini odia la Juventus? Il dato che inchioda il Ct

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Roberto Mancini è un tecnico dalla strana carriera in Nazionale, ma il suo rapporto con la Juventus non sembra essere dei migliori.

È tempo di sosta delle nazionali e dunque ritorna l’Italia a disputare le ultime gare della Nations League, partite davvero decisive per le sorti della squadra di Roberto Mancini, con il tecnico campione d’Europa che ha rivoluzionato la Nazionale.

Roberto Mancini
LaPresse

La Nations League è sicuramente un torneo molto giovane e non tutte le nazionali la stanno ancora prendendo con il giusto interesse, soprattutto perché molti giocatori la stanno snobbando.

Abbiamo già visto come commissari tecnici stiano utilizzando questo tipo di torneo ufficiale solamente per poter fare una serie di esperimenti, con Roberto Mancini che sembra essere uno di questi.

Nonostante questo però sicuramente nessuno vuole arrivare ultimo nel girone e retrocedere in Serie B, con l’Italia che in questo momento si trova a metà strada tra la retrocessione e il passaggio alle final four.

Gli Azzurri infatti si trovano al terzo posto con 5 punti, 3 di margine sull’Inghilterra che affronterà proprio venerdì in casa per la quinta giornata, ma soli due dalla sorprendente Ungheria in vetta al girone.

Sicuramente dunque saranno due sfide molto interessanti, con Roberto Mancini che ha stravolto completamente le carte in tavola e dunque ha portato una serie di debuttanti e di giovani giocatori.

Diventa assolutamente interessante però notare come il tecnico abbia completamente snobbato i giocatori della Juventus, tanto è vero che nelle convocazioni solamente due elementi sono presenti: Leonardo Bonucci e Federico Gatti.

È una situazione davvero molto strana tanto è vero che i bianconeri in passato avevano dato davvero tantissimi giocatori alla Nazionale, infatti non è stato mai casuale la denominazione ItalJuve.

Ci sono però delle motivazioni che devono essere sicuramente tenute in considerazione, soprattutto per quietare gli animi di molti tifosi della Vecchia Signora che non hanno per nulla gradito le convocazioni del tecnico marchigiano.

Mancini snobba la Juve, ma c’è un motivo

Alcune convocazioni sono state davvero molto sorprendenti, in particolare per quanto riguarda il ruolo del portiere, con molti tifosi che erano convinti di vedere Mattia Perin, un giocatore che sta davvero bene figurando con la Vecchia Signora.

Il problema però che il portiere ex Genoa e Pescara è considerato ancora oggi solamente una riserva di Szczesny, dunque Mancini ha preferito dare priorità a giocatori come Provedel della Lazio e Vicario dell’Empoli.

Le convocazioni in difesa legate a Bonucci e gatti invece sono diametralmente opposte, con il capitano bianconero della Nazionale che è considerato ancora una colonna, mentre il giovane difensore che sta faticando a trovare spazio a Torino vuole essere tenuto sempre in grande considerazione al tecnico.

Sorprendendo un poco inoltre anche la non convocazione di Fabio Miretti, soprattutto vedendo come molti giocatori giovani e inesperti senza di convocati, soprattutto per difese attacco.

La sede del classe 2003 però può essere tranquillamente giustificata dal fatto che la mediana sia il ruolo sicuramente migliore dell’Italia e dunque si sia cercato di fare esperimenti solamente negli altri reparti.

Nessuno juventino nemmeno in attacco, vedendo dunque come Chiesa chiaramente non poteva essere convocato, dato il suo infortunio, ma nonostante diverse assenze e molte giovani sorprese anche Moise Kean è stato lasciato a Torino dal tecnico marchigiano.