Allegri e l’incredibile statistica: così non può andare

La Juventus di Allegri, in questa stagione, ha una statistica decisamente negativa; è l’unica squadra in Serie A.

Una stagione non semplice quella che sta vivendo la Juventus; nonostante la restituzione dei quindici punti, nell’annata dei bianconeri restano due grandi rimpianti.

allegri
Allegri (LaPresse)

Il primo in campionato dove la squadra non è mai stata realmente in corsa per lo scudetto e ha subito una sconfitta pesantissima in casa del Napoli.

Il secondo, invece, è l’eliminazione dai gironi di Champions in un gruppo dove i bianconeri avrebbero potuto fare molto di più.

In attesta di capire come finirà questa stagione non possiamo non sottolineare la statistica, decisamente negativa, subita dalla Juventus.

Un record decisamente negativo e che porta, in casa bianconera, un primato di cui i ragazzi di Allegri avrebbe fatto tranquillamento a meno.

La statistica riguarda tutte le competizioni in cui la Juventus è stata coinvolta in questa stagione.

Allegri, e la statistica da incubo: ecco di cosa si tratta

La Juventus, come detto, ha un record decisamente negativo all’interno di questa stagione; i bianconeri, infatti, sono l’unica squadra ad aver ricevuto contro almeno un calcio di rigore in tutte le competizioni.

Iniziando dalla Serie A, i ragazzi di Allegri hanno ricevuto contro due calci di rigore; contro la Fiorentina è stato bravo Perin mentre la Salernitana è stata brava a realizzare il suo penalty in una partita chiusa tra mille polemiche.

Rigori che sono stati fischiati contro la Juventus anche nelle due competizioni europee. In Champions League, nella partita che ha sancito l’eliminazione dei bianconeri dal girone, è stato Joao Mario a realizzare il rigore del momentaneo due a uno in un match vinto dal Benfica per quattro a tre.

I bianconeri sono retrocessi in Europa League e, anche in questa competizione, è arrivato un calcio di rigore da fronteggiare.

Nel ritorno dei quarti di finale contro lo Sporting è stato Edwards, dagli undici metri, a realizzare la rete del definitivo uno a uno che non ha impedito a Vlahovic e compagni di accedere alla semifinale del torneo.

Chiudiamo con la Coppa Italia; nella semifinale di andata, in una partita caratterizzata da mille polemiche e terminata con tre espulsi (due per l’Inter e uno per la Juve), ci ha pensato Lukaku a segnare su rigore il gol dell’uno a uno. Punteggio che lascia aperta ogni possibilità in vista del ritorno dove ci si giocherà la qualificazione alla finale.

Impostazioni privacy