La classifica dei giocatori della Juventus con più cartellini rossi in carriera

Gli sportivi sanno che la Juventus non vorrebbe mai perdere nessuna gara. I suoi giocatori sono soliti dare il 100%, a costo di rischiare il cartellino rosso. Quali sono i più espulsi della storia del club?

Pallone da calcio sul campo di gioco di uno stadio
Chi sono i 20 giocatori juventini con più espulsioni nella storia? (Pixabay)

La Juventus è una squadra amatissima in Italia e ben conosciuta all’estero. Nelle sue fila hanno militato calciatori che hanno fatto la storia dello sport, come Zinedine Zidane, Alex Del Piero, Gigi Buffon o Michel Platini.

Tantissimi i trofei vinti sia in campo nazionale che in campo internazionale, mentre gli scudetti oggi sono 36, un numero che la distanzia notevolmente dalle primissime inseguitrici Milan ed Inter. Ma la Vecchia Signora non ha soltanto record positivi o traguardi storici in bacheca: tra i bianconeri esiste infatti anche una speciale classifica, che indica quali sono stati i calciatori juventini più espulsi nella storia del club.

Alcuni notissimi, altri un po’ meno se non ai grandi appassionati del club di Torino. Vediamo chi sono.

I giocatori della Juventus più espulsi: Paolo Montero primo

Il primo della lista è il centrale difensivo Paolo Montero, colui che si è guadagnato il titolo di ‘Re dei cartellini rossi’ nella storia della Juve.

16 espulsioni per lui nelle gare ufficiali, che lo rendono il calciatore con più espulsioni nella storia del massimo campionato nazionale, oltre il bianconero più ‘cattivo’. L’ex atleta, in un’intervista del 2018, spiegò il suo punto di vista: alla domanda del giornalista sul perché di tutte queste espulsioni, Montero rispose “Sa cosa le dico? Di quelle espulsioni ne avrò meritate al massimo 8 o 9. Non ho rimpianti“.

Parole che indicano l’assenza di pentimento in un giocatore che, in campo, ha sempre dato tutto per la maglia. “O la palla, o la gamba” sono state una sorta di mantra per lui, che ebbe il momento più “alto” nel pugno sferrato a Di Biagio: 20 giorni di squalifica, ben 3 giornate nel corso del campionato di Serie A 2000/2001.

Il vecchio centrale uruguaiano, tutto tenacia, carisma e determinazione ha un lungo passato nel calcio italiano, in cui ha indossato per molto tempo la maglia bianconera, dopo essere arrivato a Torino a seguito dell’esperienza con l’Atalanta.

Edgar Davids al secondo posto..

Il dinamico centrocampista bianconero Edgar Davids era un vero e proprio mastino. Marcava con grinta e lucidità l’avversario di turno, ed era altresì dotato di piedi buoni ed in grado di contribuire alla manovra del club.

Per lui un totale di 10 espulsioni, contando tutte le competizioni ufficiali della Juventus. Da notare che il suo stile di gioco aggressivo e energico gli è valso il soprannome di “Pitbull” – attribuitogli dall’ex allenatore dell’Ajax Louis van Gaal.

Noto altresì per la sua caratteristica fascia protettiva sugli occhiali, necessaria a causa di un problema alla vista. Quindi nulla a che fare con la sua ‘attitudine’ ai contrasti duri.. e ai cartellini rossi.

..insieme a Alessio Tacchinardi

In realtà il secondo posto in classifica dei più espulsi nella storia della Juventus è condiviso dall’olandese Davids con un giocatore che i tifosi juventini con qualche primavera alle spalle, ricorderanno molto bene.

Ci riferiamo ad Alessio Tacchinardi – anche per lui 10 cartellini rossi in competizioni ufficiali con la maglia della Juve. Per più di una decade ai bianconeri, ed anche lui arrivato a Torino dopo l’Atalanta, Tacchinardi era un centrale di centrocampo, che nella prima parte della sua avventura alla Juve fu adattato a difensore dal tecnico Marcello Lippi.

Anche al classe 1975, originario di Crema, non è mai mancata personalità, grinta e coraggio nei contrasti. Con un inconveniente di troppo rappresentato dal numero dei cartellini.

Al quarto posto Giuseppe Furino..

Un altro posto in condivisione è il quarto. Infatti Giuseppe Furino ed Omar Sivori sono nei piani alti della classifica dei giocatori della Juve con più espulsioni, avendo totalizzato 9 cartellini rossi a testa.

Furino, fu definito l'”eccelso gregario” e “Furia” perché oltre alle doti nei contrasti e in marcatura, aveva piedi discreti e una visione di gioco molto buona.

Mediano aggressivo, concentrato per tutta la gara e duro nei contrasti – nonostante il fisico non imponente – ma anche generoso nell’aiutare i compagni, l’ex calciatore originario di Palermo totalizzò nove espulsioni, che in parte ne hanno ‘macchiato’ il curriculum. Ma i tifosi juventini di antica data lo ricordano con affetto.

..ma anche Omar Sivori

Al quarto posto c’è anche un’altra vecchia conoscenza del calcio italiano. Omar Sivori si distinse per le sue abilità in attacco, per la tecnica e per il dribbling. Ed anche per qualche contrasto di troppo, che gli costò nove cartellini rossi nelle varie partite ufficiali disputate con la maglia della Juventus.

Da notare che, nel corso della sua carriera agonistica, rappresentò sia l’Argentina che l’Italia, vincendo con la maglia della Selección la Copa América 1957.

La classifica dei 20 calciatori juventini più espulsi nella storia

Tra gli atleti con più cartellini rossi nella storia delle gare ufficiali della Juve troviamo anche altri nomi illustri come Franco Causio, con 6 espulsioni, ma anche Zinedine Zidane che con l’ala destra completa, veloce e tecnica condivide proprio il numero di cartellini.

Nella classifica dei più espulsi troviamo anche Gigi Buffon, Mauro German Camoranesi, Giorgio Chiellini e Antonio Conte. Per loro 5 cartellini rossi in totale, nelle gare ufficiali con la maglia della Juventus.

  • 16 Paolo Montero
  • 10 Edgar Davids
  • 10 Alessio Tacchinardi
  • 9 Giuseppe Furino
  • 9 Omar Sivori
  • 8 Renato Cesarini
  • 7 Luis Fernando Monti
  • 7 Giovanni Varglien
  • 7 Mario Varglien
  • 6 Franco Causio
  • 6 Moreno Torricelli
  • 6 Zinedine Zidane
  • 5 Gigi Buffon
  • 5 Mauro German Camoranesi
  • 5 Giorgio Chiellini
  • 5 Antonio Conte
  • 5 Juan Guillermo Cuadrado
  • 5 Pavel Nedved
  • 5 Carlo Parola
  • 5 Pietro Rava
Impostazioni privacy