Chiesa, che succede? L’estate per recuperare la miglior forma

Chiesa ha vissuto una stagione complicatissima e anche in nazionale non è riuscito a mostrare tutte le sue qualità.

L’infortunio subito a Roma, contro i giallorossi, nel gennaio 2022 ha bloccato il processo di crescita di Chiesa; l’esterno, fino a quel momento, era uno dei giocatori offensivi più forti in circolazione. Sia con la Juventus che con la nazionale aveva dimostrato tutte le sue qualità: rapidità, capacità di saltare l’uomo e creare la superiorità numerica, strappi offensivi importanti.

chiesa
Chiesa (LaPresse)

Il problema fisico ha cambiato tutto; Chiesa è tornato a disposizione verso la fine dell’anno ma non ha mai dato l’impressione di essere nuovamente ai suoi livelli. Allegri lo ha centellinato cercando anche di capire quale potesse essere il suo ruolo migliore.

Da esterno a tutta fascia in un 3-5-2 non ha convinto (a Napoli ha giocato, in quella posizione, una partita pessima), da seconda punta ha faticato mentre la prestazione più importate è stata fatta nel secondo tempo contro la Lazio da esterno offensivo in 4-3-3. Tra le difficoltà avute dalla Juventus, in questa stagione assolutamente negativa, troviamo anche Chiesa; l’esterno non è riuscito a dare il suo contributo.

Un problema che si è riproposto anche in nazionale; nella semifinale di Nations League, contro la Spagna, l’ex Fiorentina è entrato nel secondo tempo con l’obiettivo di dare freschezza al reparto offensivo e mettere in difficoltà la nazionale spagnola con la sua rapidità. Nulla di tutto questo è avvenuto con l’esterno ad aver avuto un pessimo impatto sulla partita; vero le condizioni non erano le migliori ma da uno con le sue caratteristiche ci si aspetta sicuramente qualcosa di più.

Chiesa, questi mesi sono fondamentali: serve un cambio di passo

La sconfitta dell’Italia, contro la Spagna, non è sicuramente attribuibile a Chiesa ma l’esterno non è riuscito a dare quel contributo sperato; i mesi che ci separano dall’inizio della prossima stagione saranno fondamentali per il classe 1997. L’obiettivo è piuttosto chiaro, recuperare la miglior forma possibile per poter aiutare la Juventus a tornare a vincere il campionato.

I bianconeri, dopo due stagioni anonime, vogliono essere nuovamente protagonisti e per farlo hanno bisogno del miglior Chiesa; l’esterno potrà essere aiutato anche da Allegri. E’ molto probabile, infatti, che il tecnico torni al 4-3-3, un sistema di gioco che si sposa alla perfezione con le caratteristiche dell’attaccante azzurro. Non ci resta che aspettare per capire se Chiesa potrà tornare a giocare ai suoi livelli; prima dell’infortunio, infatti, era uno tra gli esterni offensivi più forti del panorama internazionale.

Impostazioni privacy