Marchisio ha già il suo erede designato: Juventus pazza di lui

Claudio Marchisio è stato uno dei gioielli della Juventus degli ultimi anni, ma ora la Signora sempre aver trovato il suo degno erede.

Crescere nel settore giovanile e poi esordire in prima squadra ha un sapore diverso rispetto a coloro che arrivano dopo anni in giro per il mondo. Si instaura anche un rapporto speciale con la tifoseria, proprio come quello che era nato tra la Juventus e Claudio Marchisio.

Il Principino è stato un centrocampista di livello altissimo, capace di segnare e di impostare il gioco, oltre che recupera un’infinità di palloni. Si è trattato di un momento durissimo per tutti quando si è gravemente infortunato nel 2016 contro il Palermo.

Claudio Marchisio
Claudio Marchisio (Fonte: LaPresse)

Madama però non ha mai smesso di cercare un suo possibile erede, un altro ragazzo terribile da far crescere dal settore giovanile e renderlo grande in prima squadra. Ebbene signori, oggi la Juventus sembra finalmente aver trovato l’erede di Claudio.

Stiamo ovviamente parlando di Nicolò Fagioli, un interno di centrocampo dotato di tutte le caratteristiche perfette per essere già considerato come un numero uno del calcio italiano.

Estro, visione di gioco e capacità anche di calciare da fuori area, tutta una serie di caratteristiche che lo hanno reso così uno dei migliori in casa juventina. La sua crescita ricorda moltissima quella di Marchisio ed entrambi hanno avuto anche un inizio molto simile.

Tutti e due infatti erano i giovani talenti del vivaio e l’esordio in prima squadra non era stato sufficiente per farli rimanere. Prestito dunque per entrambi, con Marchisio a Empoli e Fagioli a Cremona e con le sorti che sono opposte.

Fagioli come Marchisio: inizio simile alla carriera del Principino

Ci sono state solo piccole differenze tra il rendimento di Marchisio a Empoli e quello di Fagioli a Cremona. Prima di tutto il Principino era in Serie A, mentre Nicolò si trovava in B.

Nicolo Fagioli
Nicolo Fagioli (Foto: LaPresse)

Stando bene a guardare come sono andate le cose però alla fine a gioire è stato Fagioli. Il centrocampista ha potuto diventare la colonna portante di una squadra che è entrata nella storia con la promozione in Serie A.

Marchisio invece non ha avuto modo di contribuire alla salvezza, con i toscani che sono retrocessi all’ultima giornata. Ovviamente non ha avuto grosse colpe, infatti l’anno seguente anche lui è tornato subito alla Juventus.

Claudio ha raccontato inoltre come il suo ingresso in prima squadra fosse stato sicuramente aiutato dallo scandalo di Calciopoli. In quel periodo la Juventus viveva un periodo di profondi cambiamenti e in qualche modo lo stesso è capitato anche per Fagioli.

Auguriamo solamente due cose in più per Fagioli rispetto alla carriera di Marchisio. La prima è di natura fisica, infatti non vorremmo mai soffrire per lui per la rottura del ginocchio. La seconda è invece sotto l’aspetto sportivo, con Nicolò che possa vincere una Champions che al Principino è sfuggita nel 2015 e nel 2017.

Impostazioni privacy