De Zerbi sul talento della Juventus: i bianconeri provano a blindarlo

Roberto De Zerbi è uno degli allenatori migliori in Europa e il suo fiuto per i talenti lo ha portato a scovare un campione in casa Juventus.

La crescita esponenziale del valore del settore giovanile in casa Juventus è evidente e sotto gli occhi di tutti. I bianconeri infatti hanno lanciato moltissimi giovani in questa stagione e probabilmente molti altri sono pronti al grande salto.

Questo sta spingendo molte squadre a investire sui ragazzi di Torino e anche un occhio attento come quello di Roberto De Zerbi sembra essere intenzionato a cambiare le sorti del suo Brighton.

Roberto De Zerbi
Roberto De Zerbi (Fonte: LaPresse)

Il tecnico bresciano ha infatti individuato nel centrocampista classe 2005 Joseph Nonge Boende un possibile acquisto per poter elevare il suo Brighton. Il ragazzo compirà i 18 anni solo a maggio, ma è già un grandissimo giocatore.

La Juventus lo ha reso un elemento fondamentale della Primavera di Paolo Montero e soprattutto ha già investito diversi soldi in passato per poter fare in modo che vestisse il bianconero.

In totale sono stati spesi ben 200 mila euro nell’estate del 2021 per poterlo strappare all’Anderlecht, di certo non pochi per un ragazzo di 16 anni. Una volta che è approdato a Torino ha messo subito in chiaro come il suo ruolo fosse quello di uomo cardine della squadra.

Andiamo però a capire maggiormente nel dettaglio quali sono le sue caratteristiche tecniche e come mai De Zerbi lo vuole in squadra.

Chi è Jospeh Nonge Boende? Il ragazzo che ha stregato De Zerbi

Il belga è nato nel 2005 e fin da subito è stato considerato un vero e proprio predestinato, con la sua crescita nelle nazionali giovanili del suo Paese che è stata costante. Il suo ruolo è quello di mediano davanti alla difesa, capace sia di impostare che di rompere il gioco.

Joseph Nonge Boende
Joseph Nonge Boende (Fonte: Instagram)

La grinta in campo di sicuro non gli manca e infatti ha avuto modo di rimediare già ben 5 cartellini gialli e su 22 partite non è di certo poco. Attenzione però a lasciarlo libero in zona gol, perché sebbene non sia la sua specialità ha trovata la via del gol due volte in questa stagione.

La motivazione per il quale De Zerbi si è innamorato del calciatore è legato al fatto che ha dimostrato una straordinaria intelligenza da un punto di vista tattica. Velocità di pensiero, visione del gioco negli spazi e uomo a tutto campo.

Il bresciano è un fanatico della zona e dunque per lui tutti i calciatori devono muoversi quasi in totale sincronia. Boende è in un momento molto delicato della sua carriera, anche perché il Costa Rica vuole sfruttare le sue origini per naturalizzarlo.

Non solo con la nazionale, ma ora anche con il club dovrà decidere che cosa fare della sua avventura nel mondo del calcio. Sempre meglio avere scelte in più che in meno, ma ora la Juventus deve blindare il suo talento.

Impostazioni privacy