Le difficoltà di Pogba: il centrocampista ha bisogno di tempo

Pogba ha finalmente rivisto il campo ma è abbastanza evidente come il centrocampista non abbia ancora la miglior condizione fisica.

pogba
Pogba (LaPresse)

Fino a questo momento è stata una stagione complicatissima per Pogba; arrivato a parametro zero sarebbe dovuto essere l’uomo in più nel centrocampo bianconero.

La Juventus si aspettava quel salto di qualità in termini di forza fisica, tecnica e anche un numero importante di gol e assist.

Tutte le speranze sono state vanificate dall’infortunio accusato dal francese nel corso della preparazione fisica.

Un problema muscolare non di poco conto visto che Pogba è stato costretto a rimanere lontano dal campo per diverso tempo saltando anche il mondiale in Qatar.

Il recupero è stato lungo ma è arrivato; il francese, però, ha dovuto alzare bandiera bianca una seconda volta.

Prima del match casalingo con la Sampdoria ha subito un nuovo problema fisico; da questo punto di vista la sosta per la nazionali ha aiutato perché ha permesso al centrocampista di saltare meno partite possibili.

Contro lo Sporting Lisbona, nel primo faccia a faccia dei quarti di finale di Europa League, è entrato nei minuti finali.

Otto minuti (cinque più tre di recupero) per riassaporare il campo ma dove si sono viste, in maniera evidente, le difficoltà del centrocampista.

Pogba è ancora molto lontano dalla migliore condizioni fisica e ha bisogno di tempo per ritrovare il top della forma.

Nei pochi minuti in cui è stato mandato in campo si è proprio visto un giocatore non ancora pronto per determinati livelli.

Pogba, serve tempo: ecco come può essere impiegato

La fortuna del centrocampista è che la Juventus è ancora in corsa su tre fronti; Pogba, dunque, ha ancora tempo per essere decisivo all’interno di una stagione decisamente complicata.

Come abbiamo detto è ancora lontano dalla miglior condizione fisica e, proprio per questo, è lecito immaginare che possa essere impiegato con raziocinio.

La Juventus, da qui a fine stagione, potrebbe giocare ogni tre giorni (dipende molto dalle Coppe) e ci viene difficile stabilire una data in cui poter vedere Pogba scendere, finalmente, in campo da titolare.

I prossimi impegni dei ragazzi di Allegri sono molto importanti e con avversari complessi; ecco perché uno come Pogba potrebbe essere utile dalla panchina.

L’obiettivo è quello di fargli mettere, partita dopo partita, sempre più minuti nelle gambe e fargli recuperare la miglior condizione fisica possibile.

Per vederlo titolare si potrebbe anche aspettare il mese di maggio ma ripetiamo come, da questo punto di vista, non ci siano certezze. L’unica cosa che si vuole evitare è una nuova ricaduta perché sarebbe deleteria per la Juventus ma soprattutto per Pogba.

Impostazioni privacy