Danilo, la sua assenza si è fatta sentire: la statistica horror senza il brasiliano

L’importanza di Danilo in questa Juventus è stata, forse, sottovalutata ma la Juventus non può fare assolutamente a meno del brasiliano.

In una stagione decisamente negativa, la Juventus ha trovato in Danilo uno dei giocatori da cui ripartire; il brasiliano è stato, probabilmente, il simbolo del cambio modulo operato da Allegri.

danilo
Danilo (LaPresse)

Nel passaggio dal 4-3-3 al 3-5-2, infatti, Danilo ha trovato la sua collocazione da difensore centrale di destra; un ruolo ricoperto alla perfezione e che ha permesso alla Juventus di avere equilibrio ma di riuscire anche a far partire l’azione con qualità

Giocatore fondamentale sia dal punto di vista tattico sia sotto l’aspetto della leadership; più volte, in questa stagione, il brasiliano ha parlato ai microfoni mostrando un grande attaccamento alla Juventus.

L’importanza di Danilo, però, è anche se non soprattutto dal punto di vista difensivo e lo si è potuto vedere contro l’Empoli; in una serata sicuramente condizionata dalla penalizzazione di dieci punti, arrivata a pochi minuti dal fischio d’inizio, i bianconeri sono stati spazzati via con un pesante quattro a uno.

Come riporta OptaPaolo, la Juventus non subiva tre gol nei primi quarantasette minuti di gioco dal ventisette novembre 2016 quando il Genoa sconfisse tre a uno la Juventus.

Da quel momento sono passati sette anni e i bianconeri hanno subito, nuovamente, tre reti in pochissimo tempo.

Un dato che testimonia, senza nessun dubbio, sia la difficoltà della Juventus in questo momento sia l’importanza di un giocatore come Danilo. Il brasiliano è fondamentale per i bianconeri e, con lui in campo, il reparto difensivo si sente più sicuro.

Danilo è fondamentale: la Juventus, in difesa, ha diversi problemi

Abbiamo giustamente menzionato Danilo ma non possiamo non sottolineare le difficoltà difensive della Juventus indipendentemente dalla presenza del brasiliano.

In questa stagione sono stati diversi i problemi a cui Allegri ha dovuto far fronte e tra questi troviamo anche il reparto arretrato.

Partiamo da Bonucci che non è riuscito a dare il contributo sperato a causa di una situazione fisica non proprio eccellente. L’assenza di un giocatore con la sua esperienza si è sicuramente fatta sentire.

Bisogna poi sottolineare la situazione legata a Rugani; il centrale non ha avuto un grandissimo impiego e, vista l’esplosione di Gatti, sembra essere finito all’ultimo posto nelle gerarchie difensive della Juventus.

Con l’arrivo del mercato estivo bisognerà fare delle riflessioni ma non si può escludere a priori la partenza di un giocatore che sembra avere poco spazio in bianconero.

Impostazioni privacy